, , , ,

Sanità. Magni: revisione PNRR fa slittare di due anni acquisti TCA, ecografi e risonanze

È imbarazzante e inspiegabile la scelta del governo Meloni di rinviare di due anni l’acquisto di nuove apparecchiature mediche. Il PNRR prevedeva che fra il 2023 e il 2024 venissero acquistati 3.100 grandi apparecchi negli ospedali. Si tratta di TAC, risonanze magnetiche, angiografi, mammografi e altre apparecchiature fondamentali per migliorare le diagnosi e le cure dei cittadini italiani. Un ammodernamento fondamentale perché alcuni macchinari, come i mammografi per esempio, sono quasi tutti obsoleti. E molto spesso l’obsolescenza dei macchinari diagnostici incide sui tempi delle liste d’attesa.  A cosa si debba questo rinvio non è chiaro. Oggi il Sole 24 ore dice che si tratterebbe di una richiesta di alcune regioni per adeguare gli spazi utili ad accogliere le nuove apparecchiature. Sembrano piuttosto delle scuse accampate per nascondere l’impreparazione di un governo che è in carica da oltre un anno e che in particolare sulla sanità pubblica sta provocando danni intollerabili. Vogliono forse contribuire a rendere sempre più obsolete le macchine diagnostiche delle strutture pubbliche, per avvantaggiare ulteriormente le strutture private?

A pensar male si fa peccato, si dice, ma spesso ci si azzecca. I cittadini sono stati fin troppo pazienti, basta disastri e tagli alla sanità pubblica.

 

Lo afferma il senatore dell’Alleanza Verdi e Sinistra Tino Magni.