, , , ,

Salis, chi occupa case disabitate toglie solo al racket

ROMA – “Vivere in una casa occupata non è una svolta, non è qualcosa da “furbetti”. E’ logorante. Ti fa vivere quotidianamente nella paura che ti vengano a svegliare e ti buttino fuori di casa, o di ritrovare tutte le tue cose sul marciapiede al ritorno dal lavoro, sempre che le ritrovi. Occupare vuol dire entrare in una casa abbandonata, murata, coi sanitari rotti e i buchi nelle pareti, lasciata al degrado anziché essere assegnata. Essere occupante vuol dire abitare questo spazio precario e faticosamente trasformarlo in un luogo che si possa chiamare casa, cercando di sistemarlo coi pochi mezzi a disposizione che si hanno”. Lo scrive in un lungo post su Facebook Ilaria Salis, eletta eurodeputata con Avs, sottolineando che “con l’introduzione dell’ art.5 del decreto Lupi (2014), un occupante non può più avere né l’allaccio alle utenze (acqua, luce, gas), né la residenza e i diritti ad essa legati – ad es. il medico di base, l’accesso a un nido pubblico vicino a casa per i bimbi, l’iscrizione ai centri per l’impiego. Inoltre, alle persone non italiane viene così impedito di maturare i requisiti per ottenere la cittadinanza e anche il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno è ostacolato”.