, , , ,

Rai. De Cristofaro: da TeleMeloni a Teleamichettismo

Rai assume tramite Adecco figli di amici di dirigenti e politici e non i precari storici

Da Telemeloni a Teleamichettismo il passo è breve. Dopo aver infornato le redazioni con nomine di provata fede meloniana ora si passa alle assunzioni dei parenti e dei figli degli amici. E’ il caso delle assunzioni di ‘programmisti multimediali’, contestate dai sindacati Rai perché fatte utilizzando la società di intermediazione lavorativa Adecco, senza nessun confronto con i sindacati che da anni si battono per l’assunzione dei precari storici. Che appunto rimarranno precari. C’è il forte rischio che queste assunzioni siano state fatte con segnalazioni di nomi specifici. Salta subito agli occhi l’assunzione del figlio di un amico dell’Amministratore delegato Sergio, assunto con inquadramento di livello 1. Livello che in Rai si ottiene non prima di vent’anni di anzianità lavorativa. O quella di un noto esponente di CasaPound di Ostia, fratello di un ex esponente di FdI, ora nella Lega, con due fratelli in Rai, mandato alla direzione intrattenimento day time della televisione, nonostante la selezione fosse per la radio. Con l’arrivo di Meloni l’era dell’amichettismo non era finita? L’amichettismo poi non era di sinistra? Forse la Meloni si sarà dimenticata di avvisare i dirigenti Rai a lei vicini. Presenterò un’interrogazione in commissione di Vigilanza Rai.

Lo afferma il capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto di palazzo Madama, compoente3 della commissione di Vigilanza Rai.