,

Piano Mattei. Bonelli (AVS): Ipocrisia che maschera sfruttamento Africa. Dx non strumentalizzi partigiano Mattei, lo chiamino Piano Meloni

“La destra non strumentalizzi il partigiano Mattei, lo chiamino Piano Meloni. ‘Liberare l’Africa da certi europei’: era questa la visione di Enrico Mattei; oggi, con il Piano che porta il suo nome, rischiamo di essere noi quegli europei da cui liberare il continente africano. Il Piano Mattei proposto dalla Presidente Meloni, infatti, mira chiaramente a ‘far arrivare dall’Africa più gas e molti meno migranti’ per affrontare il problema della sicurezza energetica europea. Meloni ha parlato di un modello di cooperazione non predatorio ma paritario con l’Africa, un approccio che sembra riflettere la retorica di Claudio Descalzi, AD di ENI. Bugie, nient’altro che bugie”.

Così, intervenendo alla Camera, il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli, che ha spiegato: “Sia le azioni del Governo che quelle di ENI dimostrano esattamente il contrario: mentre in questa sede sono stati bocciati alcuni nostri emendamenti che chiedevano un coinvolgimento equo e una valutazione indipendente degli impatti del Piano Mattei, analisi condotte da Friends of the Earth e da altre organizzazioni indipendenti indicano chiaramente che le regioni africane in cui opera l’ENI, come il Mozambico, la Nigeria e la Tunisia, sono impoverite e gravemente danneggiate dall’industria petrolifera, che ha causato conflitti a cui fanno seguito migrazioni. Se l’Italia desidera realmente adottare una prospettiva africana, come affermato dal ministro degli Esteri Tajani, dovrebbe iniziare ascoltando le voci di coloro che vivono nei territori sacrificati per il petrolio e il gas,” ha concluso Bonelli.