, ,

Matteotti, deputato Dori lascia il suo scranno: “sia simbolo dell’antifascismo”. Zanella: gesto significativo

Roma  – “È stato un onore in questa legislatura sedere in quello scranno, ora diventi un simbolo dell’antifascismo e del coraggio di un militante indomito della democrazia come è stato Giacomo Matteotti”. Lo dice all’AdnKronos, il deputato di Avs, Devis Dori che lascia il suo posto nell’emiciclo, lo scranno numero ’14’, perché lì sedette Giacomo Matteotti e da oggi quel posto verrà lasciato vuoto in suo ricordo. “Sono soddisfatto che la nostra idea di lasciarlo vuoto a sua imperitura memoria sia stata accolta dal presidente Fontana”, aggiunge. Soddisfazione della capogruppo AVS alla camera Luana Zanella: “Lo scranno di Giacomo Matteotti non sarà più assegnato, come avevamo chiesto, avendolo nella disponibilità del nostro collega Devis Dori. Esprimo gratitudine al presidente Fontana per aver accolto la nostra proposta in segno di perenne omaggio al sacrificio di un antifascista indomito” conclude Zanella