,

G7. Bonelli: Pichetto Fratin manipola realtà. Sua politica energetica contrasta con impegni presi

“È sorprendente vedere come Pichetto Fratin si comporti da turista per caso nelle occasioni internazionali come il G7 o la COP di Sharm El-Sheikh, raccontando una realtà completamente opposta a ciò che avviene in Italia. Da un lato, sottoscrive intese che poi non rispetta, dall’altro promuove una strategia energetica, decisa in realtà da ENI, che rafforza la dipendenza del nostro Paese dalle fonti fossili e trasforma l’Italia in un hub del gas destinato all’esportazione, anziché in un hub delle energie rinnovabili. Il ministro si oppone al risparmio energetico, all’auto elettrica e al Green Deal dell’UE, ma poi all’estero parla di rinnovabili. Questa manipolazione della realtà italiana è semplicemente pazzesca!”

Così, in una nota, il co-portavoce nazionale di Europa Verde e Deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli, che prosegue: “I toni trionfalistici di Pichetto Fratin sono in netto contrasto con l’impegno del G7, che ribadisce l’esigenza di accelerare l’uscita dalle fonti fossili. Il Governo italiano, invece, sembra puntare tutto sulla creazione di questo hub europeo del gas per i prossimi anni, mentre le rinnovabili rimangono ferme al palo. Inoltre, la posizione ostile di Giorgia Meloni verso le politiche europee sul clima e le energie rinnovabili non fa che peggiorare la situazione: non è stato neanche nominato un commissario per sbloccare le autorizzazioni che la burocrazia tiene ferme in un cassetto. Bisogna invertire questa tendenza, bisogna farlo per ridare all’Italia quella credibilità internazionale che merita e per garantire alle cittadine e ai cittadini, soprattutto i più giovani, un futuro sostenibile, contro la crisi climatica,” conclude Bonelli.