,

Fratoianni: la comunità internazionale fermi Netanyahu

“La risposta del governo di Israele alla Corte de L’Aja è stata fra le peggiori, con i raid aerei su Rafah. Una cosa è chiara: la comunità internazionale deve imporre, ripeto imporre, a Netanyahu un cessate il fuoco. Infine occorre che all’Onu venga affidata una missione di interposizione”. Lo dice Nicola Fratoianni, deputato di Alleanza Verdi e Sinistra. “La Corte Internazionale di Giustizia de L’Aja ha ordinato al governo di Israele di fermare immediatamente l’offensiva a Rafah, in applicazione della convenzione sul genocidio dopo la richiesta del Sudafrica, perché potrebbe infliggere ai palestinesi di Gaza condizioni di vita che potrebbero portare alla loro distruzione, del tutto o in parte”, fa notare. Inoltre, la Corte de L’Aja ha ordinato al governo israeliano di “garantire l’accesso nella striscia di Gaza degli aiuti umanitari e dei comitati d’indagine sulle accuse di genocidio”, aggiunge Fratoianni. Di fronte alla risposta di Netanyahu con il bombardamento del centro di Rafah, “l’Italia, l’Unione Europea e tutta la comunità internazionale devono imporre il cessate il fuoco in Palestina”, conclude