, , , ,

Energia. Bonelli (AVS): Inaccettabile intervento Eni su programma ‘Petrolio’.

“Ieri sera, durante la trasmissione Rai Petrolio, Eni ha cercato di condizionare un’inchiesta rifiutando di testimoniare e non accettando l’invito a partecipare. Inoltre, ha obbligato gli autori a leggere un comunicato aziendale durante la puntata, minacciando che non avrebbe accettato ‘accuse inaccettabili’ che, secondo loro, ‘saranno demolite’. Il fatto inaccettabile è che si sia potuto parlare solo di quanto Exxon sapesse dei cambiamenti climatici già da molti anni, insabbiando questa informazione, ma non si sia potuto parlare di Eni. Quest’ultima ha svolto la stessa pratica di Exxon ed era a conoscenza degli effetti delle fonti fossili sul clima. Si tratta, come denunciano Re Common insieme a Greenpeace Italia, di una pratica di condizionamento inaccettabile da parte di Eni nei confronti di chi fa informazione nell’ambito del servizio pubblico. Presenterò un’interrogazione in commissione di vigilanza Rai per chiedere se sia vero che Eni abbia voluto esercitare una censura preventiva sul programma e quali iniziative intenda adottare la Rai per tutelare i giornalisti da indebite pressioni che limitano la loro autonomia”

Così, in una nota, il co-portavoce di Europa Verde e deputato di AVS, Angelo Bonelli.