, , , , ,

Dl bollette. Magni: AVS vota no, decreto non affronta problemi famiglie e premia soliti noti

Si chiama decreto bollette ma in realtà è un provvedimento omnibus. Si chiama decreto bollette ma fa poco o nulla per gli aiuti per le famiglie. Il governo si è concentrato a premiare gli evasori, a privatizzare ulteriormente la sanità, chi può paga e chi non può aspetta o rinuncia alle cure, e niente sugli extraprofitti incassati dalle aziende energetiche. In questo provvedimento non c’è nulla di strategico. Come al solito, la destra è forte con i deboli e debole con i forti. Per tutte queste ragioni Alleanza Verdi e Sinistra vota convintamente contro questo provvedimento. Il governo invece di pensare alle famiglie, sempre più in difficoltà per gli alti costi dell’energia, insiste a distribuire prebende ai grandi proprietari energetici, che invece dovrebbero pagare per gli extraprofitti incassati in questi mesi. A fronte di una situazione difficile nella sanità pubblica, la maggioranza ha scelto di non stabilizzare i ricercatori precari, di non rinnovare il contratto collettivo di medici e infermieri dei servizi di emergenza e urgenza e di estendere il ricorso ai gettonisti, non soltanto nei servizi di emergenza e urgenza ospedaliera. Una follia che mette a rischio il diritto a una salute pubblica e gratuita per tutti. L’unica strategia di questo governo è stata quella di ridurre le tasse ai ‘furbetti’ e lisciare il pelo agli evasori con un blitz dell’ultimo secondo. Per abbassare le tasse è necessario che siano pagate da tutti e in modo proporzionale. Invece sono sulle spalle dei lavoratori a reddito fisso e dei pensionati, puntualmente dimenticati, perché al governo e alla maggioranza non interessa ridurre le disuguaglianze nel Paese ma solamente premiare i soliti noti.

Così in Aula il senatore dell’Alleanza Verdi e Sinistra Tino Magni, durante la dichiarazione di voto sul dl bollette.