,

Dl Asset, Zaratti: stop commissari straordinari

“Evitare la nomina di altri commissari straordinari per la realizzazione di strutture che non siano strettamente collegate ad interventi di emergenza di protezione civile”. Lo chiede un ordine del giorno (n. 1436) al Dl Asset in discussione alla Camera presentato dal capogruppo di Alleanza Verdi e Sinistra in commissione Affari costituzionali Filiberto Zaratti, sottoscritto anche da Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde.
“Il Dl Asset”, spiega Zaratti, “è diventato un nuovo testo Omnibus per la varietà delle materie contenute e contiene diverse norme che hanno un impatto negativo sul territorio, sul paesaggio, sui beni culturali, sull’ambiente e sulle finanze pubbliche; prevede che il Consiglio dei ministri possa dichiarare il preminente interesse strategico nazionale di grandi programmi d’investimento esteri sul territorio italiano (art.13); attribuisce al Commissario straordinario per la linea C della Metropolitana di Roma i compiti relativi alla programmazione, progettazione, affidamento e realizzazione di tutti gli interventi per il completamento delle linee della metropolitana di Roma funzionali alle celebrazioni del Giubileo 2025 (art.17) ; nomina un Commissario straordinario per l’esecuzione della Variante di Demonte (art. 19/bis). Occorre aggiungere che la legge Stadi prevede interventi edilizi con enorme impatto in termini di consumo di suolo, carico urbanistico e emissioni inquinanti e climalteranti a Milano, Parma e Roma; il dlgs n. 120 del 29 agosto 2023 semplifica ulteriormente le procedure, sottraendo alle soprintendenze le loro funzioni essenziali. In questo quadro il Ministro per lo Sport Abodi è più volte è intervenuto sollecitando un altro commissario straordinario, questa volta per gli stadi, in vista dell’Europeo di calcio 2032. La proliferazione delle figure commissariali non è nell’interesse dei territori, vorremmo perciò un impegno del Governo ad evitarlo”, conclude Zaratti.