, , , ,

Conti pubblici. Bonelli: famiglie italiane sacrificate per colpa del governo, tassare extraprofitti

ROMA – “La procedura di infrazione per deficit eccessivo avviata dall’Unione Europea è una bocciatura impietosa per l’Italia e svela la totale incompetenza del governo Meloni. Il DEF, privo di cifre concrete, è una chiara dimostrazione della loro incapacità di gestire il debito e il disavanzo. Giorgetti afferma che aveva previsto questa situazione, ma durante la campagna elettorale per le europee hanno sistematicamente nascosto questo rischio ai cittadini. Ora, con la prossima manovra, saranno obbligati a inserire le cifre reali, e le conseguenze saranno devastanti per le famiglie e i più poveri”.

Così in una nota il deputato di AVS Angelo Bonelli, che prosegue:

“Il pacchetto di primavera della Commissione Europea impone all’Italia tagli di 10-12 miliardi annui per i prossimi sette anni. Saranno le famiglie italiane a pagare il prezzo più alto, mentre il governo continua a proteggere gli extraprofitti delle banche e delle compagnie energetiche. È inaccettabile che, in questa crisi, il governo difenda gli interessi dei potenti a scapito dei cittadini più deboli. È tempo di tassare adeguatamente gli extraprofitti, 28 mld di euro per le banche e 60 mld per le società energetiche, per proteggere chi è veramente in difficoltà. Questo governo ha scelto la strada sbagliata e ingiusta”.