, , , , ,

Caro affitti. Cucchi: accanto agli studenti in tenda

Si amplifica la protesta delle tende. Dopo Milano, anche a Roma gli studenti riprendono la parola e mettono in atto un gesto simbolico, ma che parla di una condizione reale: non trovare alloggio per i prezzi folli della speculazione sugli affitti. Un problema nelle grandi città che riguarda non solo gli studenti ma gli stessi cittadini. Una cosa gravissima su cui è necessario intervenire immediatamente che rischia di compromettere il diritto allo studio.  Questa protesta sacrosanta diventa ancora carica di significato se guardiamo ai dati Istat del 2021 sulle abitazioni a Roma che fotografa 162.000 appartamenti vuoti, a fronte di 14.000 persone in attesa di casa popolare, o i 20mila alloggi vuoti o sfitti di Milano. Case senza persone e persone senza casa, in uno slogan l’immagine plastica di un’ingiustizia che rimane tale fino a quando non si metterà mano a politiche abitative degne di un paese civile. Riqualificare strutture dismesse per farne case popolari e case dello studente, attivare un piano di conversione a fini abitativi delle strutture dismesse, rilanciare un piano straordinario di edilizia residenziale pubblica, rinforzare il fondo per gli affitti. Solo alcune delle cose da fare subito, come utilizzare al meglio le risorse previste dal Pnrr sull’housing universitario. Decine di migliaia di persone sono a rischio sfratto per morosità incolpevole o per problemi economici legati alle rate dei mutui aumentati negli ultimi mesi. Bisogna intervenire con urgenza. Il governo, gli enti locali non possono lasciare soli gli studenti che protestano. Questione abitativa e povertà rischiano di essere due facce della stessa medaglia.

Lo dichiara la senatrice Ilaria Cucchi dell’Alleanza Verdi e Sinistra dal presidio alla Sapienza.