Caporalato. Bonelli (AVS): Servono provvedimenti urgenti contro questa forma di schiavismo

Incarico:Deputato

ROMA – “La storia di Satnam Sighn riporta alla luce il grave problema dello schiavismo in Italia. Anche in questa occasione, il Governo si è mosso con ritardo e con provvedimenti insufficienti. È urgente istituire una super procura nazionale contro il caporalato. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil, questo fenomeno coinvolge un numero impressionante di 220.000 persone. È inoltre necessario riattivare immediatamente la Consulta per il contrasto al caporalato presso il Ministero dell’Interno, che è inspiegabilmente inattiva da anni, e procedere con l’abolizione della legge Bossi-Fini.

Il caso di Satnam Sighn evidenzia come il caporalato, una forma moderna di schiavitù, sia ancora tristemente diffuso in molte regioni italiane. Questi lavoratori, spesso migranti, vengono sfruttati in condizioni disumane e sottopagati, privi di diritti e di tutele. La risposta del Governo è stata, come troppo spesso accade, incompleta e tardiva. Interventi occasionali e non sistematici non sono sufficienti per combattere efficacemente un fenomeno così radicato.

Così in una nota il deputato di AVS Angelo Bonelli, che conclude: