,

Balneari. Bonelli (AVS): Bene richiamo Mattarella. Con assalto a demanio marittimo, Governo aggira Bolkestein con trucchi da prestigio

“La lettera del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che accompagna la promulgazione della legge annuale per il mercato e la concorrenza 2022, conferma quanto noi andiamo sostenendo da tempo: il Governo italiano sta adottando manovre estremamente discutibili per aggirare l’applicazione della Direttiva Bolkestein sulle concessioni demaniali marittime. In una lettera inviata all’Unione Europea, il Governo ha artificiosamente aumentato la lunghezza delle coste italiane da circa 7.900 a 11.000 chilometri, un atto che sfiora l’assurdo. Questa strategia è volta a evitare la messa a gara delle attuali concessioni demaniali, proponendo invece di mandare a gara solo gli ultimi tratti di spiagge e coste ancora liberi in Italia, contravvenendo alle normative europee e inaugurando un processo di privatizzazione e cementificazione selvaggia delle nostre coste. È un attacco diretto al demanio marittimo, un tentativo di proteggere interessi particolari a scapito dell’ambiente e dei diritti collettivi”.

Così, in una nota, il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli, che prosegue: “Richiamata più volte dal Presidente nella sua lettera, invece di promuovere una sana concorrenza, il Governo si sta dirigendo verso la concessione di parti significative del patrimonio naturale italiano sotto condizioni economicamente discutibili. Questo solleva gravi preoccupazioni in termini di tutela ambientale e del diritto universale all’accesso alle spiagge, elementi fondamentali per il mantenimento di un patrimonio naturale e culturale accessibile a tutti. E lo si sta facendo solo per mantenere i privilegi di pochi che, a fronte di canoni di concessione ridicoli, realizzano incassi milionari, come dimostra il caso della Ministra Santanchè e del suo Twiga, che, nonostante un fatturato di quasi 10 milioni di euro, paga un canone annuo di soli 18 mila euro,” conclude Bonelli.