, , , ,

Autonomia. Magni: cambierà Paese in peggio, fermatevi

La riforma Calderoli è contro il Sud, considerato solo come un peso di cui disfarsi. Ancora una volta chiediamo al governo Meloni di fermarsi. Il progetto di Autonomia Differenziata cambierà profondamento il nostro paese in peggio, perché va a colpire principi fondamentali di eguaglianza dei diritti e di unità, sanciti dalla nostra Costituzione. Non c’è bisogno di interpretare nulla, spetta allo Stato rimuovere gli ostacoli per raggiungere l’uguaglianza. Ma la verità è che a questo Esecutivo non interessa risolvere le disuguaglianze: non interessano i poveri, né la scuola, né la sanità, così come non interessano le periferie e le condizioni lavorative, che penalizzano in particolare i giovani meridionali.  La nostra Costituzione punta all’uguaglianza e non dare ascolto, non solo all’opposizione, ma neanche a esperti costituzionalisti, associazioni, sindacati e studiosi, critici con questa riforma, significa non volere il bene del Paese. Con il Pnrr avevamo una grande opportunità per ristabilire il principio di equità, ma non mi sembra di aver visto proposte in questo senso, le risorse sono andate solo al nord. Da parte nostra continueremo la dura battagli nelle aule parlamentari e nel paese reale, iniziando da subito a costruire i comitati referendari per il NO a questa scellerata riforma Spacca Italia.  Attuare l’autonomia differenziata in questo modo vuol dire tradire lo spirito fondativo della Costituzione, che è basato sulla solidarietà e non certo sull’egoismo.

Lo ha affermato in Aula il senatore di Alleanza Verdi e Sinistra, Tino Magni.