, , , , ,

Autonomia. De Cristofaro: colpo definitivo al Servizio Sanitario Nazionale

L’Autonomia differenziata è il colpo definitivo al Servizio Sanitario Nazionale. Un colpo ad una sanità che già oggi soffre per i drastici tagli alla spesa sanitaria che ne hanno ridotto negli anni i finanziamenti, e di conseguenza servizi e prestazioni. Il governo Meloni sta continuando a seguire questa linea di tagli e ora l’Autonomia sarà la mazzata finale per il sistema pubblico. Liste d’attesa lunghissime, pronto soccorso affollati all’inverosimile, pochi posti letto, ricorso alla sanità privata sono già oggi una realtà per milioni di italiani. Diseguaglianze regionali e fenomeni di migrazione sanitaria tra Sud e Nord l’altra faccia della medaglia. Con il concreto rischio che le fasce più deboli e povere della popolazione rinunci alle cure, o all’acquisto di farmaci. L’indebolimento della sanità pubblica porta come conseguenza l’aumento dell’offerta privata che in questo modo sostituisce il pubblico nell’erogazione delle prestazioni. L’Autonomia differenziata in sanità favorirà le regioni ricche del Nord a danno di quelle del Sud. Un’Italia a due velocità dove nelle regioni del Nord si potenzieranno servizi e prestazioni aumentando le diseguaglianze nell’offerta dei servizi con le regioni del Sud. Un favore ai privati, un danno per i cittadini, soprattutto del Mezzogiorno.

 

Lo afferma il capogruppo dell’Alleanza Verdi e Sinistra Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo Misto di Palazzo Madama.