,

Alluvione. Bonelli: Governo destini 2.7 mld di extraprofitti gas per popolazioni Emilia Romagna

“Con il decreto annunciato dal governo su alluvione in Emilia Romagna vanno destinati i 2,7 mld di € entrati nelle casse dello stato dalla tassa su extraprofitti per strategie efficaci sulla prevenzione dei disastri ambientali, come quelli che stiamo purtroppo vivendo. Noi siamo pronti a dare il nostro contributo, utilizziamo queste risorse per mettere in sicurezza il territorio e risarcire quelle persone che hanno perso mobili, case e attività produttive. Oggi, l’Emilia Romagna è stata colpita, e sebbene speriamo che non accada più, la realtà ci dimostra che l’Italia è un paese fragile, esposto a queste calamità. Pertanto, serve una legge per fermare il consumo di suolo, un fenomeno che in Italia supera la media europea, arrivando a 2 mq al secondo. E, lo ripeto, il Governo deve avviare un dialogo con l’opposizione, proprio come si è fatto per le riforme istituzionali. Stiamo attraversando un momento particolarmente difficile per il nostro paese, e le ripercussioni future potrebbero essere gravi se non agiamo adesso. È necessario lavorare insieme”.

Lo ha detto Angelo Bonelli, coportavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, intervenendo questa mattina a Omnibus, su La7.

“Trovo inaccettabile, – ha proseguito, – che gli 8,5 miliardi di euro del PNRR destinati al dissesto idrogeologico rischino di non essere utilizzati a causa di ostacoli burocratici. Inoltre, si parla delle vasche di laminazione come possibili soluzioni. A Cesena ne sono state costruite 4, a Forlì 7 o 8. Eppure, l’evento estremo di qualche giorno fa ha mostrato come queste misure non siano sufficienti quando l’acqua supera i modelli previsionali. Di conseguenza, mi chiedo: perché non approviamo il piano di adattamento climatico, così necessario, insieme al piano nazionale del rischio idrogeologico, che ancora non è stato attuato?”

“Non abbiamo tempo da perdere: rendere le nostre case più efficienti dal punto di vista energetico è un aspetto fondamentale di questa transizione. Siamo di fronte a una mobilitazione straordinaria da parte dei cittadini dell’Emilia Romagna, immagini commoventi di un popolo che resiste e che reagisce con forza agli eventi estremi. Ebbene, di fronte a questa reazione importante della popolazione, è necessario che chi governa risponda con un impegno altrettanto forte e tangibile” ha concluso Bonelli.