, ,

Allevamenti bufale. Evi-Borrelli: Fare chiarezza su uccisione cuccioli maschi

“È noto, anche grazie alle immagini diffuse dall’organizzazione per la protezione degli animali, Animal Equality, che in Campania, in particolar modo nella provincia di Caserta, ma anche nel Cilento, esiste da sempre il fenomeno dell’uccisione deliberata e dell’abbandono dei cuccioli maschi vivi di bufalo non inseriti nella filiera della produzione zootecnica della mozzarella e privi di marchio auricolare. La produzione di mozzarella di bufala prevede l’utilizzo del latte prodotto dalle femmine le quali, per produrlo, devono essere ingravidate regolarmente per realizzare la “mozzarella di bufala”, riconosciuta come prodotto DOP. Con una nostra interrogazione ai ministro della Salute e dell’Agricoltura abbiamo chiesto di intervenire per evitare questi crimini nei confronti degli animali – che causano tra l’altro anche inquinamento delle falde con l’abbandono dei cadaveri – è di mettere in campo strategie per supportare gli allevatori che operano nel pieno rispetto della legge”.

Lo rendono noto i deputati di Alleanza Verdi e Sinistra Eleonora Evi, co-portavoce di Europa Verde, e Francesco Borrelli, i quali spiegano che “il numero delle nascite dei cuccioli maschi si desume dal numero delle bufale inserite nel registro zootecnico obbligatorio, i cui dati sono pubblici e ben conosciuti sia dalle Asl territorialmente competenti che dalle autorità di polizia; ci chiediamo quindi che fine facciano, ad ogni stagione riproduttiva i piccoli bufali e come vengono sostenuti i costi, non recuperabili, di tutti gli allevatori che non vorrebbero ricorrere a pratiche illegali di uccisione. Nella filiera produttiva del latte, di bufala nel caso di specie, sembra si nasconda il perpetrarsi di reati: dal maltrattamento ed uccisione di animali fino al reato di inquinamento. Basti pensare alle acque delle coste campane che in taluni orari diventano marroni, con evidenti danni anche per la stagione turistica estiva, o alle carcasse abbandonate nei terreni e che finiranno nella falda acquifera. Il Senato ha da poco avviato una indagine conoscitiva sulla situazione della bufala in Campania con l’obiettivo di studiare ipotesi di sostegno e rilancio del comparto, anche alla luce delle possibilità offerte dalla PAC – Politica Agricola Comune 2023-2027: ci aspettiamo che l’indagini aiuti a chiarire questo oscuro aspetto degli allevamenti”, concludono Evi e Borrelli.